Alessandra Trabucchi presso Unitre_Barga

COLORE E INNOVAZIONE:LA NASCITA DELLA PITTURA MODERNA TRA FINE OTTOCENTO E AVANGUARDIE ARTISTICHE DEL NOVECENTO

a cura di Maria Lammari, vice-Presidente Unitre_Barga

La dott.ssa Alessandra Trabucchi ha condotto l’incontro con vera competenza e grande passione, supportando l’analisi teorica dei movimenti artistici tra ‘800 e ‘900 con puntuali e scelte tele che hanno ottimamente visionato le varie sensibilità e peculiarità dei singoli pittori.
La fotografia e il colore appaiono gli elementi fondamentali di questo passaggio. Infatti, grazie alle recenti scoperte della Seconda Rivoluzione Industriale, l’uso della foto toglie il ruolo finora proprio della cultura e il colore diventa un materiale chimico, contenuto in tubetti.
Sempre più gli artisti si concentrano su temi diversi rispetto a quelli tipici della tradizione artistica accademica.
 Nel paesaggio l’aspetto principale è lo studio dell’atmosfera, del cielo, dei riflessi delle nuvole, di ciò che appartiene alla sfera personale del pittore.
Per l’artista il dipinto non è una semplice copia della realtà, ma esprime ciò che accade in quel momento. Quella luce, quel pulviscolo diventano protagonisti.
La dottoressa, attraverso il confronto tra due quadri di due pittori appartenenti a età diverse (Tiziano e Monet), ci ha fatto comprendere la rivoluzione intellettuale che avviene nelle scene rappresentate che hanno sì elementi comuni, ma con risultati del tutto diversi l’uno dall’altro. Classicheggiante il primo e nuovo, quasi scandaloso, il secondo che apre ufficialmente al movimento dell’Impressionismo.
Tele simili, ora diventate famose, erano destinate al Salone dei rifiutati, in quanto indegne.
Sono state passate in rassegna alcune opere di grandi autori, dall’Impressionismo all’Espressionismo fino alle Avanguardie artistiche: C.e E.Monet, Renoir, Van Gogh, Cezanne, Matisse, Kavinsky, Kirchner, Carrà…..in un caleidoscopio di colori puri, complementari (rossi con blu, gialli con viola…), che si trasformano in luce, creando effetti di piacevolezza e forte attrazione visiva.
Il saggista e filosofo Goethe, in La teoria dei colori, conferisce valore alla scelta degli artisti, in quanto sostiene che il colore non è solo un dato scientifico, ma si pone in relazione con la nostra psiche.
L’ultimo dipinto presentato (C.Monet 1918) è un tunnel di colori che apre alla cultura informale: liberati da ogni aggancio con la realtà, si è passati dal paesaggio della natura a quello dell’anima.
Abbiamo seguito affascinati l’analisi puntuale di ciascuna opera che è diventata di volta in volta comprensibile e chiara ai nostri occhi sapientemente guidati.
Un fluire emozionante che ha portato tanta luce in un grigio e burrascoso pomeriggio.

Il gusto e la scultura o la scultura e il gusto?

Lunedì 7 Febbraio 2022
a cura di Maria Lammari, vice-presidente di Unitre_Barga.

Barga, Via dell’Acquedotto, cortile all’entrata dell’Istituto di Scuola Superiore, l’Aula Magna è proprio dietro quelle porte davanti alle quali siamo in fila per permettere al personale della scuola di controllare la validità dei nostri green-pass.
Quando entriamo in aula conferenze, Claudio Menconi era già sul palco, preciso e ordinato a controllare il materiale per il suo lavoro.

Per noi, soci e amici dell’UNITRE_Barga, era finalmente il giorno della ripresa delle lezioni in presenza, dopo l’ennesima sospensione per gli allarmi Covid19. Ci siamo accomodati, seduti, il clima era coinvolgente ed anche il tema della conferenza lo era:

 La scultura del gusto.

Sono rimasta sotto il palco, dato che Claudio il tavolo da lavoro lo aveva sistemato lì,  per i saluti agli intervenuti andava bene lo stesso  e per presentare … ma chi non lo conosce?
Chef decoratore, maestro d’intaglio, re del food design, ovvero l’arte d’intagliare frutta e verdura trasformandole in opere d’arte!
Claudio Menconi nel 1977 si è diplomato alla scuola alberghiera di Marina di Massa, poi è stato tutto un rincorrere specializzazioni: in “Tecnico della Ristorazione” presso l’Istituto Professionale di Stato “F. Martini” di Montecatini Terme; in “intaglio e scultura vegetale” della Federazione Italiana Cuochi; in “scultura del ghiaccio” presso l’Accademia Superiore di cucina “Etoile” di Venezia.

A Barga lo ricordano anche perché è stato “il capo cuoco” presso l’Ospedale, il suo incarico era in effetti quello di coordinatore di cucina presso la U.S.L. n. 2 di Lucca.

Parlavo al pubblico attento, tutto rivolto verso di noi, e mentre lo raccontavo me lo vedevo all’opera nelle varie strutture alberghiere e di ristorazione presso le quali ha esercitato la sua professione prima di diventare docente tecnico presso la scuola alberghiera di Barga (LU) e la “Scuola Grandi Chefs” della Confcommercio di Lucca.

La scuola è stata una cassa di risonanza per la sua bravura. Erano sulla bocca di tutti le grandi doti artistiche e la sua vena creativa. Claudio Menconi è noto al grande pubblico per le sue costanti e innumerevoli partecipazioni alle più famose trasmissioni culinarie delle reti televisive nazionali, in particolare nelle trasmissioni di Uno Mattina, Linea Verde, Orizzonti, La prova del Cuoco, Detto Fatto, senza contare i vari servizi che gli hanno riservato i telegiornali Rai.

Si era messo al lavoro, se si può parlare propriamente di lavoro! Se avessimo chiesto a chiunque era presente, avremmo ascoltato la stessa risposta “la sua capacità tecnica è formidabile, mi entusiasma, quando applaudivo lo facevo perché me li faceva scappare dalle mani, gli applausi, solo dopo sentivo che anche gli altri applaudivano”.

Infatti lo abbiamo ripetutamente applaudito mentre dava forma pezzo dopo pezzo all’intera composizione.

Lo avevo detto, introducendolo, che il suo curriculum annovera una lunga lista di premi e riconoscimenti, tra i quali spicca la medaglia d’oro ottenuta alla Coppa del Mondo di decorazione gastronomica a Lussemburgo (2006) e la medaglia di bronzo alle Olimpiadi del 2008 di Erfurd (Germania).

Con precisi tagli, affinati dalla lunga esperienza, stava trasformando comuni vegetali e frutta di stagione  in splendidi fiori, ma potrebbero essere anche sembianze di animali marini: “una vera scultura!”

La prima parte della conferenza è stata dedicata al menù-tipo di un pranzo, in cui lo chef ha delineato le portate, dall’antipasto alla frutta, con molte e preziose informazioni riguardanti la tipologia di ogni pietanza, la temperatura, il bilanciamento tra dolce e salato, la quantità, la corretta sequela dei piatti, i tempi da rispettare, i metodi di preparazione… sembravamo i suoi studenti!

Le numerose e puntuali precisazioni hanno fatto emergere le qualità di Claudio Menconi, si percepiva lo chef ma anche l’insegnante, combinazione di competenze che lo hanno reso un autorevole rappresentante anche a livello internazionale.

Per chiunque di noi volesse leggerlo, è bene che sappia che ha pubblicato quattro libri: ‘Un pizzico di sale… “Un pizzico di pepe” prefazione di Francesco Guccini e vignette inedite di Sergio Staino (edizioni Plan, premio Bancarel’Vino 2005 e premio Ramponi 2005); “Sculptured Food, come trasformare il cibo in opera d’arte”, editrice M.Pacini Fazzi, un pratico manuale per rendere alla portata di tutti la creazione di piccole opere d’arte per la tavola; “Caterino”, edizioni Brandani, romanzo culinario scritto a quattro mani con lo scrittore Simone Togneri; “Decorazioni per quattro stagioni”, edizioni Youcanprint, con prefazione di Roberta Capua.

Claudio non è nato a Barga, ma a Carrara, con noi risiede da tanti anni, ha famiglia qui e molte altre cose le possiamo leggere sul suo blog https://claudiomenconi.com/

Da queste pagine rivolgo uno scultoreo GRAZIE a Claudio Menconi, a nome di tutti i presenti e della nostra Associazone UNITRE_Barga. Un augurio anche per il suo incarico di testimonial dell’azienda Paper Lynen.